Cavriago

16 Gennaio 2014

Cavriago

Con i colleghi del Multiplo di Cavriago, a parlar di eccezioni, gestione degli utenti difficili e difficoltà quotidiane nel rapporto con gli altri "esseri umani". Sveglia alle 4.30: Antonio è così bravo da svegliarsi con me e fare colazione assieme, per poi tornare a letto. Treno alle 5.51, arrivo a Reggio Emilia alle 8.40. Arriviamo in auto a Cavriago alle 9, dove mi aspetta il gruppo dei "Multipli" per condividere una nuova fase del percorso formativo che abbiamo condiviso.

Il lavoro è estremamente interessante e produttivo: sono in compagnia di una squadra di operatori di grandissimo livello, piena di entusiasmo e di ardore.

Il Multiplo è una delle biblioteche più belle d'Italia: anche qui, però, già dopo un annetto di apertura, o poco più, si cominciano a vedere i problemi che la San Giorgio gestisce con qualche anno di anticipo: l'assenza di manutenzione.
Come diceva Leo Longanesi, l'Italia è un paese di inaugurazioni, non di manutenzioni. Tutti pronti a spendere quando c'è da andare sul giornale, poi non si trovano più i soldi per le imbiancature, per le lampadine che si fulminano, per i computer che si rompono. Si pensa che tutto debba andare avanti in eterno senza fare più alcun intervento sostitutivo. E invece le pareti si ricoprono di muffa, i tubi si rompono, i muri si scrostano.

Tutto il mondo è paese. Comunque: I love Multiplo!