Un patto per la lettura

14 Giugno 2018

Un patto per la lettura

Questa mattina il viaggio da Pistoia a Firenze è stato particolarmente impegnativo: complice il caldo torrido di questi giorni e l'assenza di aria condizionata nei treni regionali. Ma il disagio è stato ampiamente ripagato, perché ho potuto partecipare ad una importante riunione che l'Assessore regionale alla cultura Monica Barni ha indetto presso la palazzina di via Farini tra le 12 reti di cooperazione interbibliotecaria, chiamando a partecipare anche il Centro per il Libro e la lettura, l'ufficio scolastico regionale, i rappresentanti dei librai, l'AIB, l'AIE ed in generale tutti i soggetti che operano nella filiera del libro. 

L'idea dell'Assessore Barni, già annunciata al Salone del Libro il mese scorso (vedi), è quella di stringere tra i diversi soggetti un vero e proprio "Patto per la lettura" a livello regionale, in grado di unire le forze a favore di una progettualità comune volta all'incremento della base sociale dei lettori e alla diffusione delle pratiche di lettura.

Si tratta di un'idea forte, in cui mi riconosco completamente: non possiamo permetterci di disperdere le forze o di sprecare le energie in inutili tentativi di "distinguo" o di "presa di distanze" tra l'uno e l'altro membro della filiera: l'analfabetismo di ritorno è talmente forte da richiedere a tutti uno sforzo unitario in direzione di un comune piano di lavoro. Mi farà molto piacere poter dare un contributo di idee e di fatti a questo progetto!